Calciopoli: per 16 imputati associazione a delinquere

Moderatori: RAZZO, Sebring, Gumon, paulìn, ciaoroma, GIANT SQUID

Rispondi
Avatar utente
takeshi
MILLE
Messaggi: 1193
Iscritto il: 14/01/2004, 13:06
Località: Roma talenti

Calciopoli: per 16 imputati associazione a delinquere

Messaggio da takeshi » 10/07/2007, 18:47

Calciopoli: per 16 imputati associazione a delinquere

14:15 del 10 luglio

14.10 Nell'elenco parti offese nell'ambito dell'inchiesta sulla cosiddetta Calciopoli figurano anche il ministero dell'Economia e delle Finanze e il ministero per le Politiche giovanili e le attività sportive. Parti offese, per i magistrati, sono anche i monopoli di Stato, il Coni, la Figc, la Lega nazionale professionisti, la Rai, le società di calcio Atalanta, Bologna, Brescia, Cagliari, Chievo, Lecce, Livorno, Palermo, Parma, Roma, Sampdoria, Siena, Udinese e Salernitana.

14.01 Il reato di associazione per delinquere è contestato a Moggi, Giraudo, Mazzini, Bergamo, Pairetto, Lanese, De Santis, Fazi, Mazzei, Ghirelli, Baglioni, Scardina, Fabiani, Gabriele, Pieri e Ambrosino. L'unica gara del campionato di serie B indicata nella richiesta di rinvio a giudizio è la partita Arezzo-Salernitana, del 14 maggio 2005. Per alcuni indagati la procura ha ravvisato l'insufficienza degli elementi di prova ed ha pertanto chiesto l'archiviazione, mentre altre posizioni sono state stralciate per eseguire, ulteriori approfondimenti investigativi, come spiega in una nota il procuratore della Repubblica, Giovandomenico Lepore.

13.59 Tra le posizioni che sono state stralciate nell'ambito dell'inchiesta su Calciopoli, vi è, a quanto si è appreso, anche quella dell' arbitro Gianluca Paparesta. Quest'ultimo era stato coinvolto nella seconda fase delle indagini e nei mesi scorsi si era presentato in procura a rendere un interrogatorio il cui verbale è stato secretato. Sulla posizione dell'arbitro e sul contenuto delle sue dichiarazioni proseguono pertanto le indagini dei pm Beatrice e Narducci.

13.55 I pm di Napoli Filippo Beatrice e Giuseppe Narducci hanno chiesto il rinvio a giudizio per 37 imputati nell'ambito dell'inchiesta sugli illeciti nel calcio. Le accuse vanno dall'associazione per delinquere alla frode in competizioni sportive.
I pm indicano Luciano Moggi, Antonio Giraudo, Innocenzo Mazzini, Paolo Bergamo, Pierluigi Pairetto e Massimo De Santis, promotori "costitutori ed organizzatori dell'associazione per delinquere". La frode sportiva è stata ravvisata in relazione a 29 incontri del campionato di serie A della stagione 2004-2005.
Questo l'elenco degli imputati: Marcello Ambrosino, Duccio Baglioni, Paolo Bergamo, Paolo Bertini, Franco Carraro, Stefano Cassarà, Enrico Ceniccola, Antonio Dattilo, Massimo De Santis, Andrea Della Valle, Diego Della Valle, Paolo Dondarini, Mariano Fabiani, Maria Grazia Fazi, Giuseppe Foschetti, Pasquale Foti, Marco Gabriele, Silvio Gemignani, Francesco Ghirelli, Antonio Giraudo, Alessandro Griselli, Tullio Lanese, Claudio Lotito, Gennaro Mazzei, Innocenzo Mazzini, Leonardo Meani, Sandro Mencucci, Domenico Messina, Luciano Moggi, Pierluigi Pairetto, Tiziano Pieri, Claudio Puglisi, Salvatore Racalbuto, Gianluca Rocchi, Pasquale Rodomonti, Ignazio Scardina, Stefano Titomanlio.



Avatar utente
takeshi
MILLE
Messaggi: 1193
Iscritto il: 14/01/2004, 13:06
Località: Roma talenti

Messaggio da takeshi » 16/07/2007, 17:31

Giustizia sportiva "deludente"
"Calciopoli? Occasione mancata", dice procuratore Napoli
(ANSA)-ROMA,16 LUG- "Si e' persa una grande occasione per cambiare un sistema inquinato. Calciopoli era un sistema da imbrigliare": cosi' Giandomenico Lepore. "Era un sistema semplice, ma articolato. Gabbie per scelte di arbitri, sanzioni disciplinari. Si' -ha aggiunto il procuratore di Napoli- sono rimasto deluso dalla giustizia sportiva". Sull'inchiesta napoletana, Lepore ha spiegato che entro dicembre il Gip prendera' le sue decisioni: la prima udienza dell'eventuale processo potrebbe esserci entro maggio.



Avatar utente
takeshi
MILLE
Messaggi: 1193
Iscritto il: 14/01/2004, 13:06
Località: Roma talenti

Messaggio da takeshi » 16/07/2007, 17:31

Giustizia sportiva "deludente"
"Calciopoli? Occasione mancata", dice procuratore Napoli
(ANSA)-ROMA,16 LUG- "Si e' persa una grande occasione per cambiare un sistema inquinato. Calciopoli era un sistema da imbrigliare": cosi' Giandomenico Lepore. "Era un sistema semplice, ma articolato. Gabbie per scelte di arbitri, sanzioni disciplinari. Si' -ha aggiunto il procuratore di Napoli- sono rimasto deluso dalla giustizia sportiva". Sull'inchiesta napoletana, Lepore ha spiegato che entro dicembre il Gip prendera' le sue decisioni: la prima udienza dell'eventuale processo potrebbe esserci entro maggio.



Avatar utente
takeshi
MILLE
Messaggi: 1193
Iscritto il: 14/01/2004, 13:06
Località: Roma talenti

Messaggio da takeshi » 15/12/2007, 20:02

Calciopoli: Paparesta 'Moggi iniziò col solito sproloquio'. Si indaga sul 2006-2007

17:09 del 15 dicembre

17.08 "Fabiani mi chiamò passandomi al telefono Moggi il quale iniziò il solito sproloquio dicendo che io continuavo a danneggiare la Juventus". A parlare è l'arbitro Gianluca Paparesta e l'argomento è quello arcinoto del burrascoso dopopartita di Reggina-Juventus e dei momenti di tensione vissuti negli spogliatoi dove ci fu un duro faccia a faccia tra il dirigente bianconero e il direttore di gara. La circostanza della conversazione diventa rilevante per i magistrati soprattutto per un punto: la telefonata è avvenuta infatti su una delle schede sim estere fornite da Moggi e da Luciano Fabiani a diversi arbitri e per la prima volta un indagato ne ammette l'utilizzo. L'arbitro riconosce quindi di aver usato la scheda, e non di averla materialmente ricevuta da Moggi, come era stato riferito da alcuni legali al termine dell'udienza, che si è svolta a porte chiuse.

L'interrogatorio di Paparesta si è svolto ieri in procura e oggi stesso il verbale è stato depositato agli atti dell'udienza su calciopoli. I pm hanno in primo luogo evidenziato a Paparesta che una delle utenze svizzere è stata utilizzata dall'indagato in giornate in cui il padre Romeo Paparesta (che in precedenti interrogatori si era attribuito la disponibilità delle "sim") certamente si trovava in altre località come emerge dall'esame delle "celle. L'arbitro spiega che tutto avvenne dopo Reggina-Juventus e la telefonata che Moggi gli aveva fatto mentre Paparesta si trovava a casa a Bari. "Seguirono altri contatti tra mio padre e Fabiani, il quale evidenziò a mio padre che Moggi continuava a restare adirato per quella situazione ed era forse opportuno che io tornassi a parlare e a spiegarmi con il direttore generale della Juventus". "Fabiani - prosegue Paparesta - quindi suggerì a mio padre di fare in modo che il giorno successivo, ovvero l'8 settembre 2004, si stabilisse un contatto telefonico tra me e Luciano Moggi poichè quest'ultimo sarebbe stato insieme allo stesso Fabiani almeno nella seconda parte della giornata. Io dunque, secondo Fabiani, avrei potuto telefonare a lui e poi avrei quindi potuto colloquiare con Moggi. Mio padre mi suggerì di accettare l'invito di Fabiani e che, in ogni caso, lui non poteva stare con me in quella giornata poichè io mi sarei dovuto recare a Bagno di Romagna per ritirare un premio. C'era tutto l'interesse da parte mia a non inasprire la situazione e a cercare almeno un chiarimento con Moggi, anche se continuavo a ritenere di avere operato correttamente e certamente non ero intenzionato a chiedere scusa".

"Non era opportuno per me - aggiunge Paparesta - utilizzare la mia utenza cellulare visto che avrei dovuto parlare come arbitro con un dirigente di una società di calcio e quindi mio padre mi fornì il telefono contenente la scheda svizzera, che dunque portai con me nel viaggio. Ribadisco che, all'epoca, ignoravo che quella scheda fosse di un gestore straniero. Nel pomeriggio a Bagno di Romagna feci una prima telefonata individuando sul telefono il numero relativo all'ultima chiamata effettuata e parlai con Fabiani il quale mi disse che non era ancora insieme a Moggi. Rinviammo l'appuntamento telefonico al dopocena e feci dunque una seconda telefonata, verso le 23, ma Fabiani mi disse che era insieme a Moggi e che, dopo qualche minuto, sarei stato io a ricevere una telefonata da lui".

"Ciò - prosegue Paparesta - effettivamente avvenne dopo la mezzanotte, Fabiani mi chiamò passandomi Moggi il quale iniziò il solito sproloquio dicendo che continuavo a danneggiare la Juventus e che in tutta la sua carriera lui non aveva mai visto un arbitro che si comportava in maniera così avversa alla sua squadra. Replicai che avevo fatto sempre e solo il mio dovere e che quando andavo in campo non avevo in testa nè una particolare squadra nè un particolare dirigente. La conversazione durò qualche minuto e sostanzialmente ciascuno restò sulle proprie posizioni anche se essa fu meno aspra di quella avvenuta il giorno precedente a Bari".

I pm chiedono poi di due conversazioni di Paparesta con l'arbitro Bertini. Dopo aver ricordato di essere amico di Bertini e di aver parlato della propria situazione particolare dopo Reggina-Juve, Paparesta afferma di non ricordare attraverso quale telefono abbia conversato con il collega. "Non sono assolutamente in grado di riferire se ho usato quella utenza straniera, ovvero altra utenza mobile o fissa".

16.26 L'ex presidente del Bologna, Giovanni Gazzoni, ha avanzato una richiesta di risarcimento per i danni patrimoniali e immagine da lui subiti per calciopoli. Gazzoni, che ha partecipato all'udienza preliminare a Napoli, ha dichiarato: ''Il campionato italiano deve fermarsi se, come mi auguro, verranno adottate azioni patrimoniali nei confronti di Juventus, Fiorentina e Reggina''.

15.00 Nuove accuse nei confronti dell'ex dg della Juve Luciano Moggi sono contenute in una informativa dei carabinieri che è stata depositata oggi dai pm Beatrice e Narducci nel corso dell'udienza preliminare che si è svolta davanti al gip Eduardo De Gregorio, del Tribunale di Napoli. In base ad intercettazioni telefoniche, su utenze di Moggi e di altre persone, disposte tra il marzo 2006 e il febbraio 2007, i magistrati avrebbero dimostrato che Moggi continuerebbe a tenere viva la sua rete di relazioni.
I magistrati hanno ipotizzato una seconda accusa di associazione per delinquere a carico di Moggi e di altri indagati. Al centro della nuova inchiesta vi sarebbe anche la compravendita del Siena.

Il gip De Gregorio si pronuncerà nella prossima udienza, fissata l'8 febbraio nell'aula bunker di Poggioreale Ticino 1, sulla richiesta di costituzione di parte civile. Sono sei le società calcistiche che hanno avanzato tale richiesta: Atalanta, Brescia, Lecce, Roma, Udinese e Salernitana. Hanno presentato la richiesta di costituirsi parte civile anche la Figc, il Coni, la Lega professionisti, la Rai, associazioni varie di consumatori.

14.45 Con una telefonata all'agenzia Ansa l'arbitro Gianluca Paparesta ha smentito le indiscrezioni trapelate in mattinata relative al suo interrogatorio di ieri a Napoli nell'ambito dell'inchiesta su calciopoli. "Non ho mai ricevuto schede telefoniche da Luciano Moggi, ed è quindi falso che io abbia confessato una cosa del genere. La conferma di quanto dico ora la si potrà facilmente avere al momento in cui emergerà il contenuto reale delle mie dichiarazioni".

14.30 E' durata circa quattro ore al Palazzo di giustizia di Napoli l'udienza preliminare presieduta dal gup Eduardo De Gregorio a carico di 37 imputati di 'Calciopoli'. Il grande assente è Luciano Moggi, l'ex dirigente juventino, considerato il maggior artefice delle 'brutture' del calcio nostrano. L'udienza di oggi è stata dedicata in particolare alle questioni procedurali e alla costituzione delle parti. Hanno chiesto di costituirsi parte civile il Coni, la Figc, la Lega professionisti, la Rai e le societa' dell'Atalanta, Bologna, Brescia, Lecce, Roma, Udinese e Salernitana, nonche' la Federconsumatori e il Codacons. Sulle richieste, il giudice si pronuncera' nell'udienza del 25 gennaio 2008. I pm hanno depositato oggi nuovi documenti tra cui un'ampia informativa dei carabinieri e alcuni verbali relativi a recenti interrogatori.Uno di questi riguarda l'arbitro Gianluca Paparesta, che un interrogatorio avvenuto ieri sera ha ammesso di aver ricevuto da Luciano Moggi delle schede sim telefoniche. I pm hanno anche depositato nuove intercettazioni telefoniche sull'utenza di Moggi relative al periodo marzo 2006-febbraio 2007. Le telefonate, a quanto si è appreso, non riguarderebbero il campionato in corso



Avatar utente
takeshi
MILLE
Messaggi: 1193
Iscritto il: 14/01/2004, 13:06
Località: Roma talenti

Messaggio da takeshi » 15/12/2007, 20:10

Calciopoli, iniziata udienza
A Napoli, 37 gli imputati. Moggi non si presenta
(ANSA) - NAPOLI, 15 DIC - E' cominciata oggi al Palazzo di Giustizia del Centro direzionale di Napoli l'udienza preliminare dell'inchiesta ''Calciopoli''. 37 gli imputati coinvolti - dirigenti federali e di societa' calcistiche, designatori arbitri, e assistenti - pochi quelli presenti in aula. Luciano Moggi non si e' presentato. I pm contestano a tutti il reato di frode sportiva, mentre per 20 di loro e' ipotizzata anche l'accusa piu' grave di far parte di un'associazione per delinquere



Avatar utente
takeshi
MILLE
Messaggi: 1193
Iscritto il: 14/01/2004, 13:06
Località: Roma talenti

Messaggio da takeshi » 20/05/2008, 19:25

Gea: si'confronto Baldini- Chiellini
Tribunale Roma dispone anche contraddittorio ex ds Roma- Baiocco
(ANSA) - ROMA, 20 MAG - L'ex ds della Roma, Baldini, sara' messo a confronto con i calciatori Chiellini e Baiocco sulle presunte irregolarita' attribuite alla Gea. Lo ha disposto il tribunale di Roma che sta giudicando, tra gli altri, l'ex dg della Juve Luciano Moggi, il figlio Alessandro e Davide Lippi. I confronti tra il general manager dell'Inghilterra e i calciatori di Juventus e Catania si svolgeranno il 27 maggio e sono stati decisi alla luce delle incongruenze emerse nelle deposizioni dei tre testimoni.



Rispondi